L’ultimo trend in fatto di capelli prevede una chioma lunga, fluente, corposa e a boccoli. Sono passati gli anni in cui per essere cool i capelli dovevano essere lisci come spaghetti, ormai sono sempre più richiesti onde e boccoli morbidi che incorniciano il viso.

Se questo è ciò che vuole il trend è anche vero però che non tutte sono così fortunate da avere naturalmente capelli a boccoli, senza contare il fatto che solitamente chi ha i capelli moderatamente ricci, sa anche cosa voglia dire ritrovarsi sempre con un effetto crespo simile ad una scopa di saggina.

Chi non è riccia invece probabilmente è troppo lisca, insomma, sembra essere impossibile ambire ai bei boccoli che si vedono sulla testa delle star.

Forse non lo sapete, ma non è così difficile ottenere capelli con onde e boccoli, come appena usciti dal salone della parrucchiera anche in casa, vi basterà provare per credere.

Scopriamo insieme 10 tecniche per ottenere onde e boccoli da sogno:

1) La piastra

Oggetto di punta per la piega dei capelli e voi probabilmente starete pensando che sia utilizzabile solamente per ottenere capelli lisci, invece non è così. In commercio si trovano piastre che scaldano anche ai lati, proprio per poter ottenere sia il liscio che il riccio; ma anche piastre “normali”, da cui è possibile arricciare i capelli; basterà partire dall’alto, inserendo la ciocca tra le due piastre, girare di 180° il manipolo e scendere molto lentamente, arrivate al fondo ritroverete un bel boccolo morbido.

ricci-con-piastra

2) Il ferro

Dopo l’evergreen dei capelli lisci, ecco il secondo attrezzo che quasi tutte le donne hanno in casa. Con il ferro è possibile ottenere sia ricci stretti, che boccoli più larghi, basterà semplicemente una volta che avrete finito di arricciare tutta la chioma, passare le mani tra le ciocche a testa in giù. Sigillate il tutto con qualche spruzzo di lacca.

ricci-con-ferro

3) Phon e spazzola

Se si presta attenzione, l’utilizzo del phon può risultare meno invasivo di quello di ferro e piastra, dato che i capelli non vengono direttamente a contatto con la fonte di calore. Ci vorrà un po’ più di maestria, ma il risultato è garantito. Attorcigliate una ciocca attorno alla spazzola, fino ad arrivare a metà testa, dopodiché puntate il getto d’aria contro e attendete qualche secondo, girandola in maniera da scaldare tutti i lati; srotolate la ciocca e fissate con un po’ di lacca.

spazzola

4) Il calzino

Vi starete chiedendo cosa centra un calzino, ma vedrete che ne rimarrete sconcertate. Prendete un calzino spaiato che non utilizzerete più e tagliategli la punta. Inumidite i capelli e legateli in una coda, dopodiché usate il calzino per arrotolarvi i capelli, partendo dalla punta, sino ad arrivare alla nuca; dovrà avere l’aspetto di uno chignon, venuto male. Legate le estremità del calzino e andateci a dormire, così che nella notte torneranno ad essere asciutti. Al mattino slegate.

ricci-con-calzino

5) I bigodini

Probabilmente erano molto più in voga negli anni passati, dato che si tratta di una tecnica piuttosto lunga, ma è sicuramente molto efficace. Per ottenere delle onde dovrete prenderli abbastanza larghi, dividere i capelli in ciocche, arrotolarle ai bigodini partendo dalle punte fino alle radici, fissarli con dei becchi d’oca e asciugarli con un con phon con il diffusore. Quando vi sarete assicurate che sono completamente asciutti, srotolate.

Bigodini

6) La fascia

Se siete cresciute negli anni 90, non potete non avere una fascia per capelli in qualche cassetto. Pensavate che non l’avreste mai più riutilizzata e invece ecco un uso alternativo. Indossatela prima di andare a dormire la sera, sistematela per bene, dopodiché dividete i capelli in ciocche e arrotolatele una ad una intorno alla stoffa; più ciocche farete, più bello sarà l’effetto. Alla mattina togliete la fascia e date volume passando le mani tra i capelli a testa in giù.

fascia-capelli

7) La treccia

Sempre rimanendo in tema di anni ’90, chi non si ha voluto provare l’effetto frisè, facendo delle piccole treccine. La pratica è proprio la stessa, con la differenza che più saranno grosse le trecce e più saranno larghi i boccoli. Potrete farne anche semplicemente una oppure due, facendone una per lato, dipende anche molto da che massa avete di capelli. Anche in questo caso il consiglio e di tenerle tutta la notte, così che l’effetto mosso sia assicurato.

trecce-capelli

8) I codini e i ferretti

Un modo abbastanza semplice per far diventare i capelli ricci prevede l’uso dei codini e dei ferretti sui capelli bagnati/umidi. Basta dividere la chioma in 4 sezioni e poi legare le varie ciocche alla sommità della testa con dei codini. Poi, è necessario attorcigliare tutte le ciocche su se stesse fissando la parte finale alla testa con un ferretto. È necessario tenere i capelli legati in questo modo il più a lungo possibile, almeno fino a quando non si saranno completamente asciugati.

9) I codini

Anche in questo caso, sarebbe meglio se i vostri capelli fossero umidi. Questo è un metodo molto adatto a chi ha i capelli lunghi. Ricordate quando da piccole vi venivano legati i capelli dividendoli in 2 ciocche da un lato e dall’altro? Bene, questa volta dovrete fare lo stesso ma poi dovrete usare altri codini per dividere le due ciocche che avete già legato in altre piccole code, esattamente come si vede nell’immagine qui sotto.

Shutterstock

10) Spuma e asciugatura senza phon

Se volete dei boccoli ben fissati è possibile anche realizzarli acquistando dei prodotti specifici. Innanzitutto, è necessario acquistare delle spume specifiche per i capelli ricci e applicare una noce di prodotto sui capelli bagnati, in particolare sulle punte. Poi, senza ricorrere all’uso del phon è necessario asciugarli stando di tanto in tanto a testa in giù e stringendo le punte su cui avete messo la spuma con le dita. Quando i capelli saranno asciutti saranno ricci e “boccolosi” quanto basta.

Shutterstock

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo su Facebook!