x

x

Vai al contenuto
Messaggio pubblicitario

Meglio non bere durante i pasti?

Meglio non bere durante i pasti?

L’acqua è una sostanza indispensabile per il nostro organismo, che ci aiuta a idratarci, a regolare la temperatura corporea, a eliminare le tossine e a svolgere molte altre funzioni vitali. Ma quando e quanto bere? In particolare, è bene bere durante i pasti o è meglio evitare? Questa è una domanda che spesso si pongono molte persone, che ricevono informazioni contrastanti o confuse sul tema dell’acqua e della digestione. In questo articolo, cercheremo di fare chiarezza su questo argomento, basandoci su fonti scientifiche e affidabili e facendo chiarezza su alcune fake news in merito.

Cosa succede realmente quando beviamo durante i pasti

Quando beviamo durante i pasti, l’acqua si mescola con il cibo e con i succhi gastrici, che sono le sostanze prodotte dallo stomaco per iniziare la digestione. L’acqua, quindi, ha due effetti principali: diluisce i succhi gastrici e aumenta il volume dello stomaco.

La diluizione dei succhi gastrici significa che la concentrazione di acido cloridrico e di enzimi digestivi diminuisce, e quindi la loro capacità di scomporre il cibo si riduce. Questo può rallentare la digestione e causare una sensazione di pesantezza, di gonfiore o di acidità.

L’aumento del volume dello stomaco significa che lo stomaco si distende e si riempie di più, e quindi la sua pressione interna aumenta. Questo può stimolare il riflesso della sazietà, che è il segnale che il cervello invia per indicare che si è mangiato abbastanza, e quindi ridurre l’appetito. Ma può anche favorire il reflusso gastroesofageo, che è il ritorno dei succhi gastrici nell’esofago, e quindi causare bruciore, irritazione o infiammazione.

fake news alimenti, bambino con pranzo a sacco fuori

Quindi, bere durante i pasti fa bene o fa male?

La risposta a questa domanda non è univoca, ma dipende da diversi fattori, come la quantità, la qualità, la temperatura e il momento in cui si beve l’acqua, ma anche dal tipo di cibo, dalle condizioni di salute e dalle abitudini individuali. Vediamoli nel dettaglio.

  • La quantità di acqua che si beve durante i pasti influisce sulla diluizione dei succhi gastrici e sull’aumento del volume dello stomaco. In generale, si consiglia di bere una quantità moderata di acqua, pari a circa 1-2 bicchieri, per evitare di alterare troppo la digestione e di provocare disturbi. Inoltre, si consiglia di bere a piccoli sorsi, per non ingurgitare aria e causare flatulenza.
  • La qualità dell’acqua che si beve durante i pasti influisce sulla composizione dei succhi gastrici e sul pH dello stomaco. In generale, si consiglia di bere un’acqua di buona qualità, che sia potabile, pura e controllata, per evitare di introdurre sostanze nocive o batteri. Inoltre, si consiglia di bere un’acqua oligominerale o leggera, che abbia un basso contenuto di sali minerali, in particolare di sodio, per evitare di aumentare la pressione sanguigna e la ritenzione idrica.
  • La temperatura dell’acqua che si beve durante i pasti influisce sulla funzione dei succhi gastrici e degli enzimi digestivi. In generale, si consiglia di bere un’acqua a temperatura ambiente o tiepida, che sia vicina alla temperatura corporea, per evitare di alterare la digestione e di provocare shock termici. Inoltre, si sconsiglia di bere un’acqua troppo fredda o troppo calda, che può irritare le mucose dello stomaco e dell’esofago e causare spasmi o infiammazioni.
  • Il momento in cui si beve l’acqua durante i pasti influisce sul tempo di svuotamento dello stomaco e sull’assorbimento dei nutrienti. In generale, si consiglia di bere l’acqua prima o durante i pasti, per favorire la sazietà e la digestione. Inoltre, si sconsiglia di bere l’acqua subito dopo i pasti, perché può dilavare i nutrienti e ritardare la digestione.
  • Il tipo di cibo che si mangia durante i pasti influisce sulla necessità di bere e sulla quantità di acqua che si assume. In generale, si consiglia di mangiare cibi ricchi di acqua, come frutta e verdura, che contribuiscono all’idratazione e alla digestione. Inoltre, si consiglia di evitare cibi troppo secchi, salati, piccanti o grassi, che possono aumentare la sete, la disidratazione e l’acidità.
  • Le condizioni di salute che si hanno durante i pasti influiscono sulla tolleranza e sulla reazione all’acqua. In generale, si consiglia di bere l’acqua in modo adeguato e regolare, per mantenere un buon equilibrio idrico e un buon funzionamento dell’organismo. Inoltre è bene consultare il medico in caso di patologie che possono influenzare la digestione o la diuresi, come gastrite, ulcera, reflusso, calcoli, ipertensione, insufficienza renale o diabete.
  • Le abitudini individuali che si hanno durante i pasti influiscono sulle preferenze e sulle sensazioni legate all’acqua. In generale è opportuno bere l’acqua in modo consapevole e piacevole, ascoltando le proprie esigenze e il proprio gusto. Inoltre, si consiglia di evitare di bere l’acqua per abitudine o per imitazione, senza prestare attenzione alla qualità, alla quantità, alla temperatura e al momento.

Bere duranti i pasti fa male? Più una fake alimentare

Dopo questa disamina possiamo affermare che bere durante i pasti non è né bene né male, ma dipende da diversi fattori, che vanno valutati con attenzione e con l’aiuto di un medico o di un nutrizionista se si hanno problemi di digestione. L’acqua è una sostanza preziosa per il nostro organismo, che va assunta in modo adeguato e regolare, ma anche in modo moderato e personalizzato, per evitare di alterare la digestione e di provocare disturbi. Quindi, non esiste una regola fissa, ma una scelta individuale, che va fatta in base alle proprie esigenze e alle proprie sensazioni.

LEGGI ANCHE:

10 alimenti ricchi di fibre: perfetti per combattere la stitichezza

Cosa mangiare (e cosa no) se hai la cistite

Semi di lino: benefici e modalità di consumo

Argomenti