x

x

Vai al contenuto
Messaggio pubblicitario

Tutti i falsi miti sulla cellulite

Tutti i falsi miti sulla cellulite

La cellulite è un inestetismo cutaneo che colpisce soprattutto le donne e che si manifesta con un aspetto a buccia d’arancia o a materasso della pelle, dovuto alla presenza di noduli adiposi sottocutanei.

La cellulite può interessare diverse zone del corpo, come le cosce, i glutei, l’addome e le braccia, e può avere diverse cause, tra cui fattori genetici, ormonali, alimentari, vascolari e comportamentali.

La cellulite è un problema molto diffuso e molto odiato dalle donne, che spesso ricorrono a trattamenti estetici, cosmetici o farmacologici per cercare di eliminarla o di ridurla. Tuttavia, esistono anche molti falsi miti sulla cellulite, che possono creare confusione e disinformazione sulle sue origini e sulle sue possibili soluzioni.

Vediamo quali sono i principali falsi miti sulla cellulite e quali sono le verità scientifiche che li smentiscono.

“Causata dal grasso”

La verità è che la cellulite non è causata dal grasso, ma da un’alterazione del tessuto connettivo che sostiene il grasso.

Il tessuto connettivo è formato da fibre di collagene ed elastina, che hanno la funzione di dare tono ed elasticità alla pelle. Quando il tessuto connettivo si indebolisce o si danneggia, il grasso sottocutaneo tende a fuoriuscire e a formare dei noduli visibili in superficie.

Questo fenomeno è favorito da alcuni fattori, come la ritenzione idrica, l’infiammazione, la cattiva circolazione e la produzione di estrogeni. Quindi, la cellulite non dipende dalla quantità di grasso presente nel corpo, ma dalla qualità del tessuto connettivo che lo contiene.

“Colpisce solo le persone in sovrappeso”

La cellulite colpisce anche le persone magre o normopeso.

Come abbiamo visto, la cellulite non è legata al peso corporeo, ma alla struttura del tessuto connettivo. Quindi, anche le persone magre o normopeso possono avere un tessuto connettivo debole o danneggiato e sviluppare la cellulite.

Inoltre, la cellulite può essere influenzata da altri fattori, come la genetica, gli ormoni, l’alimentazione e lo stile di vita. Quindi, la cellulite non è una questione di peso, ma di predisposizione individuale.

“Si elimina con la dieta drastica”

La verità è che la dieta da sola non basta a eliminare la cellulite.

La dieta può aiutare a prevenire o a ridurre la cellulite, se è equilibrata e varia e se apporta tutti i nutrienti essenziali per il benessere dell’organismo. In particolare, una dieta anti-cellulite dovrebbe essere ricca di frutta e verdura (per il loro apporto di vitamine, minerali e antiossidanti), cereali integrali e legumi (per il loro apporto di fibre), proteine magre (per il loro apporto di aminoacidi essenziali) e acidi grassi insaturi (per il loro effetto anti-infiammatorio).

Inoltre, una dieta anti-cellulite dovrebbe essere povera di sale (per evitare la ritenzione idrica), zuccheri semplici (per evitare i picchi glicemici), grassi saturi (per evitare l’accumulo di colesterolo) e alcol (per evitare la disidratazione).

Tuttavia, la dieta da sola non può modificare la struttura del tessuto connettivo né agire sui fattori ormonali o genetici che influenzano la cellulite. Quindi, la dieta deve essere accompagnata da altri interventi, come l’attività fisica, i trattamenti estetici.

cellulite, sul tavolo cibi per una dieta equilibrata
una dietra equilibrata, sana e varia può aiutare a ridurre la cellulite

“Va via del tutto con l’attività fisica”

L’attività fisica da sola non è sufficiente ad eliminare la cellulite, anche è sicuramente uno dei modi migliori per combatterla.

L’attività fisica può aiutare infatti a prevenire o anche ridurre la cellulite, se è regolare e adeguata al proprio livello di forma fisica e alle proprie esigenze.

In particolare, un’attività fisica anti-cellulite dovrebbe alternare esercizi aerobici (come camminata, corsa, bicicletta o nuoto) a esercizi anaerobici (come pesi o pilates). Gli esercizi aerobici aiutano a bruciare calorie, a ridurre il grasso sottocutaneo e a migliorare la circolazione. Gli esercizi anaerobici aiutano a tonificare i muscoli, a rassodare la pelle e a stimolare la produzione di collagene ed elastina.

Tuttavia, l’attività fisica da sola non può modificare la struttura del tessuto connettivo né agire sui fattori ormonali o genetici che influenzano la cellulite. Quindi, l’attività fisica deve essere accompagnata da altri interventi, come la dieta di cui abbiamo già parlato, trattamenti estetici, i cosmetici o i farmaci.

I farmaci devono essere prescritti dal medico, in base alle caratteristiche e alle esigenze di ogni persona.

“Basta qualche trattamento estetico”

I trattamenti estetici da soli non bastano a eliminare la cellulite.

I trattamenti estetici possono aiutare a prevenire o a ridurre la cellulite, se sono effettuati da personale qualificato e se sono basati su principi scientificamente validati. In particolare, i trattamenti estetici anti-cellulite dovrebbero agire su più fronti, come il drenaggio dei liquidi in eccesso, la rottura dei noduli adiposi, la stimolazione della circolazione e la rigenerazione del tessuto connettivo.

Tra i trattamenti estetici più efficaci contro la cellulite ci sono: il massaggio manuale o meccanico (come il linfodrenaggio o l’endermologie), le onde d’urto o ad ultrasuoni (come il cavitazione o il lipolaser), le iniezioni di sostanze lipolitiche o sclerosanti (come la mesoterapia o la carbossiterapia), le applicazioni di calore o di freddo (come la radiofrequenza o la criolipolisi).

Tuttavia, i trattamenti estetici da soli non possono modificare i fattori ormonali o genetici che influenzano la cellulite. Quindi ribadiamo, i trattamenti estetici devono essere accompagnati da una dieta adeguata e una regolare attività fisica ed eventualmente un consulto medico.

cellulite, donna che fa footing
importante associare anche un’adeguata attività fisica – come la corsa

Cellulite: cosa fare

La cellulite è un problema complesso e multifattoriale, che non può essere risolto con soluzioni semplici o miracolose.

Per combattere la cellulite, è necessario adottare un approccio integrato e personalizzato, che tenga conto delle caratteristiche individuali di ogni persona e che si basi su evidenze scientifiche. Solo così si potranno ottenere dei risultati duraturi e soddisfacenti.

LEGGI ANCHE:

Allenarsi a casa o in palestra: la soluzione migliore per i propri obiettivi

Allenarsi in bicicletta: un fisico in forma all’aria aperta

Dieta chetogenica per perdere 20 kg: Scopri il piano alimentare che ti farà raggiungere il tuo peso ideale!

Argomenti