x

x

Vai al contenuto
Messaggio pubblicitario

Cos’è e quali sono gli effetti della mesoterapia?

Cos’è e quali sono gli effetti della mesoterapia?

La mesoterapia è una tecnica di medicina alternativa che consiste nell’iniettare piccole quantità di farmaci nel mesoderma, lo strato intermedio della pelle, mediante aghi sottili e corti. La mesoterapia viene utilizzata per diversi scopi, sia medici che estetici, come il trattamento del dolore, della cellulite, del grasso localizzato, della ritenzione idrica, dell’invecchiamento cutaneo e di altre patologie o inestetismi. In questo articolo vedremo cos’è la mesoterapia, come si svolge, quali sono i suoi effetti e quali sono le sue controindicazioni e i suoi rischi.

Cos’è la mesoterapia?

La mesoterapia è una pratica nata in Francia negli anni ’50, grazie al medico Michel Pistor, che la definì come “una terapia poco invasiva, che agisce sulle cause e non sui sintomi”. La mesoterapia si basa sul principio che l’iniezione di farmaci nel mesoderma, lo strato di tessuto connettivo che si trova tra l’epidermide e il derma, possa avere un’azione locale e sistemica, stimolando i meccanismi di guarigione e di rigenerazione dell’organismo. La mesoterapia si differenzia dalla terapia intramuscolare o endovenosa, perché utilizza dosi minori di farmaci, che vengono somministrati in modo più mirato e più vicino al sito di azione, riducendo gli effetti collaterali e le interazioni con altri farmaci. La mesoterapia si differenzia anche dalla terapia omeopatica, perché utilizza farmaci di origine sintetica o naturale, ma non diluiti o dinamizzati.

Come si svolge la mesoterapia

La mesoterapia si svolge in ambulatorio, sotto la supervisione di un medico specializzato, che sceglie il tipo e la quantità di farmaci da utilizzare, in base alla patologia o all’inefficienza da trattare. I farmaci possono essere antinfiammatori, antidolorifici, vasodilatatori, lipolitici, drenanti, antiossidanti, vitaminici, ormonali o omeopatici, e possono essere combinati tra loro per ottenere un’azione sinergica. I farmaci vengono iniettati nel mesoderma con una siringa dotata di un ago molto sottile e corto (4-6 mm), che penetra nella pelle per pochi millimetri. Le iniezioni vengono effettuate in punti specifici, che possono corrispondere a punti di agopuntura, a punti di innervazione, a punti di proiezione di organi interni o a punti di dolore. Le iniezioni possono essere multiple, in serie o a ventaglio, a seconda della zona da trattare. Il trattamento dura circa 10-15 minuti e può essere ripetuto a intervalli variabili, da una volta a settimana a una volta al mese, per un numero di sedute che dipende dalla risposta del paziente e dall’obiettivo da raggiungere.

masoterapia, medico con siringhe in mano

Quali sono gli effetti della mesoterapia

La mesoterapia ha diversi effetti, sia a livello locale che a livello sistemico, che dipendono dal tipo e dalla combinazione di farmaci utilizzati, dalla modalità e dalla frequenza delle iniezioni, dalla zona e dalla profondità di somministrazione. In generale, la mesoterapia ha un’azione

  • Farmacologica: i farmaci iniettati nel mesoderma agiscono direttamente sulle cellule e sui tessuti bersaglio, esercitando il loro effetto terapeutico o estetico. Ad esempio, i farmaci antinfiammatori e antidolorifici riducono l’infiammazione e il dolore, i farmaci lipolitici distruggono le cellule adipose, i farmaci drenanti favoriscono l’eliminazione dei liquidi in eccesso, i farmaci antiossidanti e vitaminici contrastano i radicali liberi e stimolano la produzione di collagene ed elastina.
  • Meccanica: l’iniezione di farmaci nel mesoderma provoca una stimolazione meccanica dei recettori cutanei e sottocutanei, che attivano dei riflessi neurovegetativi, che a loro volta influenzano la funzione di organi e apparati interni. Ad esempio, la stimolazione dei recettori cutanei può migliorare la circolazione sanguigna e linfatica, la funzione renale, la funzione digestiva, la funzione endocrina e la funzione immunitaria.
  • Biologica: l’iniezione di farmaci nel mesoderma induce una reazione biologica dell’organismo, che si traduce in una risposta infiammatoria controllata, che attiva i processi di riparazione e di rigenerazione dei tessuti danneggiati o invecchiati. Ad esempio, la reazione infiammatoria controllata può favorire la formazione di nuovi vasi sanguigni, la sintesi di nuove fibre di collagene ed elastina, la rimozione delle tossine e dei detriti cellulari, la modulazione della risposta immunitaria e la regolazione dell’equilibrio ormonale.

Controindicazioni

La mesoterapia è una tecnica poco invasiva e generalmente sicura, ma non è priva di controindicazioni e di rischi, che devono essere valutati attentamente dal medico e dal paziente prima di iniziare il trattamento. Le controindicazioni della mesoterapia sono

  • Allergia ai farmaci utilizzati: la mesoterapia può provocare reazioni allergiche ai farmaci iniettati, che possono manifestarsi con eruzioni cutanee, prurito, gonfiore, difficoltà respiratorie o shock anafilattico. Per prevenire questo rischio, è necessario effettuare un test allergico prima di iniziare il trattamento, e avere a disposizione i farmaci antistaminici e cortisonici in caso di emergenza.
  • Gravidanza e allattamento: la mesoterapia è sconsigliata in gravidanza e in allattamento, perché i farmaci iniettati potrebbero passare nel sangue materno e nel latte, e avere effetti negativi sul feto o sul neonato. Inoltre, la mesoterapia potrebbe alterare gli equilibri ormonali e metabolici della donna in gravidanza o in allattamento, e causare complicazioni.
  • Patologie croniche o acute: la mesoterapia è sconsigliata in presenza di patologie croniche o acute, come diabete, ipertensione, ipertiroidismo, malattie cardiache, renali, epatiche, ematologiche, infettive o tumorali, perché i farmaci iniettati potrebbero interferire con la terapia in atto, o aggravare la condizione clinica del paziente. Inoltre, la mesoterapia potrebbe essere inefficace o controproducente in queste situazioni, perché non agisce sulle cause, ma solo sui sintomi.
  • Alterazioni della cute: la mesoterapia è sconsigliata in presenza di alterazioni della cute, come ferite, infezioni, eczemi, psoriasi, acne, herpes, verruche, cicatrici o tatuaggi, perché i farmaci iniettati potrebbero peggiorare il quadro cutaneo, o favorire la diffusione di agenti patogeni. Inoltre, la mesoterapia potrebbe essere dolorosa o difficoltosa in queste situazioni, perché la cute potrebbe essere sensibile o irregolare.

Rischi

Alcuni dei rischi della mesoterapia sono:

  • Dolore: le iniezioni possono causare dolore durante o dopo il trattamento.
  • Lividi e gonfiore: le iniezioni possono provocare la rottura di piccoli capillari e la formazione di lividi ed ematomi nel sito di iniezione, che di solito sono temporanei e scompaiono in una settimana.
  • Reazioni allergiche: le iniezioni possono causare reazioni allergiche ai farmaci utilizzati, che possono manifestarsi con eruzioni cutanee, prurito, gonfiore, difficoltà respiratorie o shock anafilattico.
  • Infezioni: le iniezioni possono favorire la penetrazione di agenti patogeni nella pelle, che possono causare infezioni batteriche, fungine o virali. Le infezioni possono essere localizzate o diffuse, e possono provocare sintomi come arrossamento, calore, pus, febbre o malessere generale.
  • Cicatrici: le iniezioni possono lasciare delle piccole cicatrici nel sito di iniezione, che possono essere permanenti o temporanee, a seconda della profondità e della frequenza delle iniezioni, e della capacità di guarigione del paziente.

LEGGI ANCHE:

Come prevenire le smagliature: 5 utili consigli di attuare subito

Quale è la causa della cellulite?

Face taping: cos’è e come bisogna usarlo

Argomenti