mascherina

A causa di questa emergenza Coronavirus, è necessario in alcune condizioni utilizzare le mascherine. Spesso, si prendono per buone informazioni errate o non del tutto vere. Per contrastare tutto questo, basta informarsi su quali tipologie di mascherine possono risultare efficaci contro il contagio da Covid-19, chi le deve usare e in che modo.

Quali sono le tipologie di mascherine presenti sul mercato

La corsa all’acquisto delle mascherine sta portando tantissime farmacie e fornitori a terminarle.

Non tutti però conoscono la differenza tra una tipologia e l’altra, ignorando che alcune mascherine non sono a uso sanitario e si rivelano inefficaci per le loro caratteristiche, come spiegato dal portale di Altroconsumo, importante organizzazione indipendente che tutela i consumatori.

La prima tipologia è la mascherina a scopo igienico adottata ad esempio nella ristorazione. Questo tipo di mascherine non non sono concepite per proteggere le vie respiratorie.

La mascherina chirurgica isola dalle secrezioni più grosse come schizzi e altro, ma non è in grado di filtrare le goccioline piccolissime che emettiamo con il respiro (aerosol) e che causano il contagio.

Le uniche che proteggerebbero dal contagio, sono le mascherine denominate respiratori con filtranti facciali. Le sigle di questa mascherine sono FFP1, FFP2, FFP3, quest’ultimo modello sarebbe in grado di filtrare fino al 98% di particelle estranee e per questo sarebbe quello più indicato per contrastare il contagio. Il loro costo si aggirerebbe intorno ai 10 euro.

A chi è rivolto l’uso della mascherina

Sul sito del Ministero si legge: “L’Oms raccomanda di usare la mascherina di protezione solo se si sospetta di aver contratto il nuovo Coronavirus e si presentano sintomi quali tosse o starnuti, oppure se ci stiamo prendendo cura di una persona con sospetta infezione da nuovo Coronavirus. L’uso della mascherina aiuta a limitare la diffusione del virus ma deve essere adottata in aggiunta ad altre misure di igiene respiratoria e delle mani. Non è utile indossare più mascherine sovrapposte. L’uso razionale delle mascherine è importante per evitare inutili sprechi di risorse preziose“. Dunque, è sempre e comunque necessario rispettare tutte le norme raccomandate sul sito del Ministero della Salute.

Come si devono usare le mascherine per renderle più efficaci

Per un corretto utilizzo, occorre ricordarsi di cambiare spesso la mascherina. È essenziale ricordarsi di non toccarla con le mani nella parte centrale (quella che copre naso e bocca), di toccare solo gli elastici per indossarla e rimuoverla, di farla aderire bene al viso e di lavarsi le mani dopo averla buttata. Non appena si percepisce che la mascherina è diventata umida, deve essere gettata perché non è più efficace.

Leggi anche:

Coronavirus e prevenzione: le norme igieniche consigliate dal Ministero

Coronavirus: che cos’è, sintomi e le indicazioni per non contrarlo

Disinfettante per le mani: ecco le istruzioni per prepararlo autonomamente